Protezione contro i contatti diretti ed indiretti

Torna alla pagina principale CEI EN 61439



Protezione contro le scosse elettriche

Le prescrizioni che seguono sono destinate ad assicurare che le misure protettive richieste siano attuate quando il quadro è installato nell'impianto elettrico, conformemente alle norme relative.


Protezione contro i contatti diretti

La protezione contro i contatti diretti può essere ottenuta sia attraverso la costruzione stessa del quadro, sia mediante provvedimenti complementari da adottare durante l'installazione.
In particolare:

Protezione mediante isolamento delle parti attive
Le parti attive devono essere completamente ricoperte con un isolante che può essere rimosso solo mediante la sua distruzione. Questo isolamento deve essere realizzato con materiali idonei in grado di resistere nel tempo alle sollecitazioni meccaniche, elettriche e termiche a cui possono essere sottoposti durante il servizio. Vernici, pitture, lacche ed altri prodotti analoghi usati da soli non sono generalmente considerati adatti a fornire un adeguato isolamento per la protezione contro i contatti diretti.

Protezione mediante barriere o involucri
Tutte le superfici esterne devono avere un grado di protezione almeno uguale a IPXXB. Le superfici orizzontali accessibili, fino a un'altezza di 1,6 metri, devono avere grado minimo IPXXD.

Protezione mediante ostacoli
Questa protezione si applica ai quadri di tipo aperto. Considerata la scarsa rilevanza pratica, non è prevista l'analisi di detta modalità.



Protezione contro i contatti indiretti

L'utilizzatore deve indicare la misura di protezione relativa all'installazione a cui è destinato il quadro. Per la protezione contro i contatti indiretti valgono le regole generali (ccordinamento protezioni – impianto di terra, ecc.).



Vai alla sezione certificazione del quadro elettrico secondo CEI EN 61439