Misura dei Livelli di Illuminamento - Esempio di Determinazione del Numero di Punti di Misura

Torna alla sezione 2.1 - Numero punti di misura



Esempio 1

Consideriamo un open space 10x8x3 m; per semplicità analizziamo l'illuminamento a piano pavimento.
Il coefficiente del locale K è pari a 1,48 e sono pertanto necessari 9 punti di misura.
La sottoarea presenta quindi il lato maggiore "c" pari a 3,3 m ed il lato minore "d" pari a 2,6 m. Poichè il lato maggiore non è lungo più del doppio del minore il numero di sottoaree può essere effettivamente 9.
Per la misura dell'illuminamento puntale in ogni singola sottoarea ci posizioneremo al centro della stessa ottenendo 9 valori (E1, E2, ... E9)

Esempio 1 locale
Fig. 3 - Suddivisione in sottoaree open space 10x8x3 m



Esempio 2

Consideriamo un corridoio lungo 10 m, largo 4 m e alto 3 m; anche in questo caso, per semplicità, consideriamo l'illuminamento a piano pavimento.
Il coefficiente del locale K sarà pari a 0,95 e sono pertanto necessari almeno 4 punti di misura.
La sottoarea presenta quindi il lato maggiore "c" pari a 5 m ed il lato minore "d" pari a 1 m. Poichè il lato maggiore è lungo più del doppio del minore il numero di sottoaree deve essere aumentato.
Con una serie di approssimazioni successive arriviamo ad ottenere una suddivisione in 6 sottoaree di dimensioni 3,3x2 m.
Per la misura dell'illuminamento puntale in ogni singola sottoarea ci posizioneremo al centro della stessa ottenendo 6 valori (E1, E2, ... E6)

Esempio 2 locale
Fig. 4 - Suddivisione in sottoaree open space 10x4x3 m

Vai alla sezione 3 - Conduzione della misura ed analisi dei risultati