Cablaggio Strutturato - Postazione di Lavoro

Torna alla sezione 2 - Definizioni e sottosistemi




Numero di postazioni di lavoro e relativa dotazione impiantistica

L'estrema flessibilità di lay-out architettonico richiesta agli edifici ad uso uffici impone che il parametro significativo per la determinazione del numero di postazioni di lavoro da attrezzare con prese fonia/dati non sia tanto il numero di operatori previsti al momento della progettazione dell'impianto, quanto l'estensione dei locali da attrezzare. La norma raccomanda pertanto di predisporre una postazione di lavoro ogni 10 mq nel caso di lay-out architettonico tradizionale (uffici singoli o doppi delimitati da pareti) e di una postazione ogni 6-7 mq se si tratta di open space. E' inoltre bene ricordare che stampanti, fax, fotocopiatrici ed altri apparati similari possono richiedere punti di connessione alla rete collocati in corridoi, sgabuzzini, ecc.

Una volta definito il numero di postazioni di lavoro da prevedere è necessario definirne la dotazione impiantistica. La norma suggerisce la predisposizione di due connessioni per postazione di lavoro (una per telefonia ed una per rete informatica); va da sè che valgono le stesse considerazioni sopra riportate relative a stampanti e apparecchiature similari: se la loro installazione è prevista in prossimità di una postazione di lavoro, 2 soli punti di connessione non risultano sufficienti.

Vai alla sezione 4 - Armadio di piano