Impianti Automatici di Rivelazione Incendi: Installazione dei Rilevatori Puntiformi di Fumo

Torna alla Sezione 5.1 - Ambienti da monitorare



Sezione 5.2 - Come installare i rilevatori puntiformi di fumo

Il numero di rivelatori ottici di fumo puntiformi è basato sul raggio di copertura di questi componenti.
Per i rivelatori di fumo il raggio di copertura vale:

  • 6,5 m nei locali con il soffitto piano, o con inclinazione (sul piano orizzontale) fino a 20°;
  • 7 m se l'inclinazione del soffitto supera 45°.

I rilevatori di fumo non devono essere installati ad altezza superiore di 12 metri dal pavimento.


In prossimità del rivelatore la velocità dell'aria non deve superare 1 m/s. Oltre la velocità dell'aria va preso in considerazione anche il numero di ricambi d'aria all'ora nel locale sorvegliato. Se i ricambi d'aria sono elevati occorre maggiorare il numero di rivelatori installati.
Tenuto conto del raggio di copertura dei rivelatori di fumo, bisogna raddoppiare il numero di rivelatori quando la circolazione dell'aria in un ambiente supera:

  • 6,15 ricambi/h se il soffitto è piano o con inclinazione fino a 20°
  • 5,71 ricambi/h se l'inclinazione del soffitto ècompresa tra 20° e 45°
  • 5,33 ricambi/h se l'inclinazione del soffitto supera 45°.

Poiché è necessario monitorare anche gli ambienti nascosti (controsoffitti, pavimenti flottanti, ecc.), in presenza di elevata ventilazione è necessario aumentare il numero di rilevatori secondo il seguente criterio:

  • triplicare il numero di rivelatori negli spazi nascosti con ripresa dell'aria,
  • raddoppiare il numero dei rivelatori negli spazi nascosti senza ripresa dell'aria.

Vai alle sezioni 5.3, 5.4, 5.5, 5.6 - criteri di installazione rilevatori puntiformi di calore, lineari di fumo, ad aspirazione e di fiamma