Norma CEI 11-27: Definizione di Lavoro Elettrico Sotto Tensione

Torna alla sezione 2 - Definizione di lavoro elettrico



Definizione di lavoro elettrico sotto tensione

In linea di massima la norma CEI 11-27 configura un lavoro sotto tensione (in BT) tutte le volte che il lavoratore accede, con una parte del corpo o con un attrezzo (isolante o conduttore), a meno di 15 cm dalle parti attive in tensione accessibili.
Nota: la norma CEI 11-27 identifica un'ulteriore tipologia di lavoro elettrico definito " in prossimità"; detta tipologia si presenta, in BT, quando il lavoratore accede, con una parte del corpo o con un attrezzo (isolante o conduttore), a meno di 65 cm dalle parti attive in tensione accessibili. Per questa tipologia di lavori è necessario adottare particolari precauzioni contro il rischio elettrico (non sono sufficienti quelle adottate nel caso di lavori elettrici fuori tensione).

I lavori sotto tensione possono essere eseguiti solo da soggetti che, oltre ad essere in possesso dei requisiti previsti per le PAV/PES, abbiano la capacità tecnica, per la formazione conseguita e l'esperienza maturata, di eseguire tali lavori. Detti lavoratori vengono comunemente denominati Persone idonee (PEI).
Nota: l'acronimo PEI non è presente nella norma CEI 11-27, ma è divenuto di uso comune per indicare una persona idonea ad eseguire lavori elettrici sotto tensione in BT.

Vai alla sezione 4 - Attribuzione della qualifica PAV/PES/PEI